"Che vita è quella di chi non ha vino?

Questo fu creato per la gioia degli uomini

Allegria del cuore e gioia dell’anima è il vino bevuto a tempo e a misura"

(Siracide. 31, 27-28)

 

È il Col Funer – le cui rive ricordano le ali di un’aquila dolcemente in volo su un anfiteatro naturale –, a dare il nome al vino che produciamo.

 

Qui sono nati e cresciuti tutti gli uomini della nostra famiglia, i Tormena.

 

Qui abitiamo la casa risalente al 1540, in cui da sempre si respira l’aroma di mandorla delle uve appena raccolte.
Qui lo sguardo accende i ricordi di racconti antichi e ogni brindisi celebra la bontà del vino, frutto della determinazione dell’uomo e dell’unicità della natura circostante.